Articoli con tag Orlando

Saint Seiya Episode G. A. ; Capitolo 22

0

Capitolo 22

Ali d’Oro

null

In un luogo senza spazio e tempo, Sigurd urla di rabbia e di dolore per la sconfitta subita. Orlando e Alice, lo rimproverano per aver perso e, soprattutto, per aver danneggiato la propria spada. Sigurd reclama la Danza, grazie alla quale potrà ripararla, ma i due rispondono che gli serve un permesso speciale per farla. Il successivo urlo di Sigurd è troncato dall’arrivo di un’uomo con ali d’oro, che gli rammenta quali sono le regole di un gladiatore. Sigurd si scusa, chiedendo ancora, più remissivo, la possibilità di una Danza. L’uomo risponde che inoltrerà la sua richiesta e ricorda ai gladiatori di non rivelare il loro vero potere fino al momento giusto.
Intanto in un parcheggio, Hyoga s’incontra con un travestito suo informatore. L’uomo saluta Hyoga con calore per poi subito rimproverarlo per averlo chiamato per nome quando preferisce rimanere in incognito come “Mama”. Hyoga si scusa e gli chiede informazioni sul suo lavoro. Mama gestisce uno dei negozi di Hyoga, ma in passato lavorava per la polizia come informatore, e subito risponde al cavaliere dicendogli che in alcuni quartieri c’è agitazione per una nuova organizzazione chiamata “I Senza Volto” non affiliata a nessuno. Hyoga ringrazia l’amico dirigendosi in uno dei luoghi datagli, con Mama che gli raccomanda di non morire. Ma Hyoga, come cavaliere della giustizia, non ne ha alcuna intenzione.

Saint Seiya Episode G. A. ; Capitolo 12

0

Capitolo 12

Debito

null

Orlando, gravemente ferito, è ancora in piedi dopo il colpo di Shura, mentre il cavaliere giace svenuto. Orlando si complimenta con lui per essere riuscito a ferirlo fino a quel punto ma alla fine la vittoria è stata sua. Deciso ad onorare l’avversario, Orlando richiama le sue spade nere per finirlo, ma un fulmine le distrugge tutte; è Aiolia, giunto in soccorso del compagno!
Orlando, stupito della sua forza, si prepara ad affrontarlo seppur non gli piaccia affrontare avversari privi di spade, ma Aiolia lo ferma, dichiarando che non è ancora il momento di affrontarlo, perché Orlando è ferito e non in grado di usare il massimo delle sue forze, avendo pure perso l’uso dell’occhio destro. Se dovranno affrontarsi, dovrà essere al massimo delle loro possibilità.
Orlando trova il ragazzino molto arrogante, ma accetta l’invito, lasciando un messaggio per Shura dichiarando di essere stato molto onorato nell’affrontarlo in un duello così duro.
Mentre Aiolia ricorda ad un ancora svenuto Shura che egli è in debito, chiama Yoshino per informarla dell’accaduto.
Yoshino, rimasta indietro, lo incalza a tornare timorosa nel rimanere sola e, in effetti, una strana lepre parlante le appare dinnanzi invitandola a bere del the. Oltre a lei appare anche una bionda fanciulla che afferma di aver varcato ere e dimensioni alla sua ricerca.
Mentre Yoshino si chiede se anche lei sia una spadaccina, si rende conto di averla già conosciuta in passato; chi sarà?



Saint Seiya Episode G. A. ; Capitolo 11

0

Capitolo 11

Scorgere il Tutto

null

Shura si erge, ferito, nuovamente dinnanzi ad Orlando, stupito per la determinazione del cavaliere, ma comunque deciso a finirlo col suo prossimo colpo.
A sua sorpresa, vede il Capricorno mettersi in posizione dello Iai, l’arte marziale giapponese di eliminazione dell’avversario con un singolo colpo di spada.
Orlando è sempre più meravigliato, ha compreso che il cavaliere non ha più forze che per scagliare un singolo colpo con cui tentare la vittoria. Estasiato dal confrontarsi con un nemico tanto forte e nobile, Orlando lancia le sue quattro spade nere contro di lui.
Incredibilmente, Shura le evita tutte, grazie all’arte marziale eseguita che gli insegna a non focalizzarsi solo sulla spada, ma sulla globalità dei movimenti dell’avversario. Grazie a ciò, Shura è ad un passo dal gladiatore, pronto a colpirlo.
Orlando è sempre più sorpreso, ma anche sicuro di colpirlo grazie alla sua precognizione.
Il cavaliere questo lo sa, pertanto tenta l’impossibile, con un colpo oltre la velocità della luce, un Excalibur lanciata trascendendo l’umano!
Orlando viene decapitato da quel colpo impossibile, lasciando Shura padrone del campo.
Un miracolo è stato compiuto, ma non per grazia degli déi, ma grazie al coraggio inamovibile di un uomo.

Saint Seiya Episode G. A.; Capitolo 10

0

Capitolo 10

Precognizione

null

Shura ha individuato una strategia per contrastare la spada di Orlando, ma il gladiatore non ha intenzione di lasciargli il campo e lo attacca con tutte le su forze, sfidandolo.
Le terribili quattro spade nere di Orlando avanzano fulminee verso il cavaliere ma Shura, grazie alla velocità della luce, non riesce solo ad evitarle ma addirittura ad infrangerle!
Volendo approfittare del vantaggio acquisito, il Capricorno attacca subito diretto al volto dell’avversario, ma, incredibilmente, Orlando blocca il suo attacco senza nemmeno voltarsi.
Stupito, Shura si allontana per poterlo riattaccare di nuovo, chiedendosi come abbia fatto a parare il colpo. Il nuovo attacco del cavaliere però, è nuovamente bloccato e questa volta Orlando contrattacca colpendolo in pieno con la sua Durlindana.
Orlando, sicuro della vittoria, gli spiega che in genere ai combattenti esperti si sviluppa una certa precognizione, grazie alla quale riescono a prevedere i colpi dell’avversario. Normalmente, essa ha un trenta per cento di successo, ma la sua arriva fino al novanta!
Sicuro di averlo battuto, Orlano si volta dandogli l’addio, ma Shura si rialza pronto a continuare il duello.
Orlando è sorpreso; come ha fatto il Cavaliere ad rialzarsi?
Facebook e Amazon

Saint Seiya Episode G. A. ; Capitolo 9

0

Capitolo 9

Orlando Furioso

null

Shura, osservando la trasformazione di Orlando, ricorda la leggenda del personaggio; paladino di Carlo Magno, possedeva una forza sovrumana e un corpo solido come un diamante, un poema narrava le sue incredibili gesta, l’Orlando Furioso!
Orlando, caricato il colpo sull’ormai deformato braccio destro, lancia il suo Holy Sword Embodiment!
Shura è ancora sbalordito dalla potenza di quella spada nera, ma ne intuisce la traiettoria, pensando di poterla così evitare. All’improvviso, però, la spada cambia traiettoria, dividendosi in più parti, colpendo senza remore il cavaliere.
Più lontano, Aiolia osserva ansioso l’andamento della lotta, informando le autorità che il duello si è spostato all’interno della città di Kyoto, chiedendosi se riusciranno veramente a proteggerne tutti gli abitanti.
Yoshino è preoccupata per tutti questi nemici con spade sacre, anche perché Aiolia le ha detto che solo uno in possesso di un’arma simile può affrontarli, perciò la ragazza è preoccupata che Shura debba fare tutto da solo. Ma Aiolia ribatte che al santuario c’è un altro cavaliere in possesso di una spada sacra…
Spostatosi nella città di Kyoto, Orlando si complimenta con il Capricorno, il primo uomo che sia mai riuscito ad evitare la sua spada.
Ma Shura, emergendo dalle macerie, ribatte che non ne è stato in grado. Durlindana è una spada davvero incredibile ed è impossibile per lui leggerne la traiettoria, ma nonostante ciò, ha un’asso nella manica. Orlando lo sfida ad usarlo, con Shura scomparso alla sua vista prima che potesse colpirlo.
Ad un sorpreso Orlando, Shura, riapparso, spiega che lui, in quanto cavaliere d’oro, è ingrado di spostarsi alla velocità della luce, grazie alla quale potrà anticipare i colpi della sua spada.
Lo scontro è appena iniziato!

Saint Seiya Episode G. A. : Capitolo 8

0

Capitolo 8

Excalibur

null

A Tokyo, Shun si trova in un bar a bere whisky, con il barman che gli consiglia di andarci piano, e, in effetti, Shun si ferma, dichiarando di starsi lentamente abituando all’alcool per poter brindare con suo fratello il giorno in cui lo rivedrà.
Il barman commenta che Shun non è cambiato col tempo e gli chiede il vero motivo di quella visita. Shun gli menziona il quartiere di Shinjuko, chiedendogli se pensa veramente se ciò che è successo sia solamente una fuga di gas come detto dalle autorità. Ma l’uomo risponde che se non avesse percepito lo scontro fra quei due cosmi non meriterebbe più il titolo di Saint.
Shun concorda, e continua dicendo che ha incontrato un Gold Saint del Passato; Shura del Capricorno! E si chiede cosa stia succedendo e se il Santuario ne sia al corrente.
L’uomo commenta che il passato sta cambiando, e forse anche il loro futuro. Shun allora afferma che andrà ad ovest, dove sente risuonare nuovamente due cosmi in battaglia, a controllare la situazione e gli chiede cosa farà lui, il suo vecchio compagno, Hyoga!
Intanto a Kyoto, nella terra sacra, Orlando commenta soddisfatto il bagliore dorato dell’armatura di Shura e la mette alla prova col suo Holy Sword Tower, prontamente parato dall’Excalibur di Shura.
Orlando è sempre più soddisfatto e si appresta a mostrare il suo vero potere cambiando la forma del suo braccio destro. Shura si sorprende nel percepire la forza e l’aura maligna emanata dallo spadaccino.
Orlando è ora pronto a combattere con tutte le sue forze, come Orlando, lo spadaccino pazzo!

Saint Seiya Episode G. A.: Capitolo 7

0

Capitolo 7

Lama Indistruttibile

null

All’entrata del tempio, Yoshino si stupisce che la gente, invece di entrare, stia uscendo di gran lena, chiedendosi cosa sia successo. Aiolia, invece, l’ha già capito, avendo sentito un cosmo bruciare all’improvviso e avverte le autorità di creare un perimetro di sicurezza.
Intanto, al tempio, Orlando attacca con il suo Drawn Sword, un terribile fendente che distrugge tutto attorno a sé. Shura è sorpreso dalla forza di tale colpo, percependo tutto il sangue e la forza racchiusi nella spada del gladiatore.
Orlando continua dicendo che quel colpo era solo un saluto e che da quel momento avrebbe fatto su serio per dare avvio al loro sacro duello per decretare lo spadaccino più forte. Ma Shura ribatte dicendo che la ricerca di maggior forza non vale nulla senza uno scopo più alto. Parole rigettate da Orlando per cui la ricerca di maggior forza è proprio ciò di più sacro che ci sia. Detto ciò, richiama decine di spade di luce, che si uniscono nel colpo Holy Sword Tower che abbatte tutto ciò che c’è attorno a sé!
Shura è scalzato via fino al padiglione d’oro a sette kilometri di distanza, sorprendendosi per la forza e la rapidità dell’attacco.
Orlando si affretta a raggiungerlo complimentandosi per essere riuscito ad evitare l’attacco e, al suo arrivo, trova il Capricorno con finalmente indosso la sua armatura. Il vero duello può cominciare!

Torna all'inizio