In questo articolo, grazie al fondamentale apporto di Guren, vogliamo trattare la continuity logica tra gli eventi presenti in Lost Canvas e quelli presenti in Next Dimension. Precisiamo che con continuity logica vogliamo intendere il susseguirsi degli eventi in modo coerente, verosimile rispetto al patto di credulità e che non vada a collidere con il concetto di causalità; pertanto non toccheremo la continuity commerciale, la cui validità è decisa, a prescindere da tutto, da Kurumada che per il momento si è espresso dichiarando Next Dimension quale sequel ufficiale del Manga Classico e Lost Canvas quale prequel ufficiale. Una ulteriore precisazione è che, ovviamente, le considerazioni qui esposte si rifanno a ciò che conosciamo delle due opere fino al momento in cui l’articolo stesso è stato scritto, pertanto non possono essere ritenute come verità assolute.

Partiamo da questo schema esemplificatore:

Le Linee Temporali sono state formulate basandosi sul concetto fantascientifico di viaggio nel tempo e la teoria del multi-universo.

La Linea A, cronistoria degli eventi di Lost Canvas, rappresenta il più probabile e naturale corso degli eventi come ci vengono suggeriti dal Manga Classico: una guerra tra Athena e Hades nel ‘700 che vede la vittoria della dea. In questo modo risultano coerenti sia il ‘500 di Sage ed Hakurei, sia il ‘900 che ben conosciamo con Shion e Dohko sopravvissuti.

La Linea B, cronistoria degli eventi di Next Dimension prima del ritorno di Saori, dovrebbe rappresentare una sorta di linea temporale alternativa dove l’Athena nel ‘700 non esiste o non si è ancora manifestata. A causa di questa assenza allo scoppio della Guerra Sacra, è ovvio supporre che i Saint non riuscirebbero mai a sconfiggere Hades. Senza Athena, Hades vincerebbe facilmente e la Terra diventerebbe dominio del dio dell’Oltretomba, quindi il futuro di questa linea, cioè il ‘900, non può essere certamente quello descritto nel Manga Classico.

Vien da sé che la Linea B non può essere considerata come quella principale, ma in virtù del fatto che Saori torna indietro nel tempo dalla Linea A in questa dimensione alternativa (Next Dimension, lo dice il nome stesso) diviene la causa di una deviazione temporale, in altre parole crea una sorta di ‘700 alterato, indicato come Linea C, che poi si svilupperà nel futuro effettivo che vedremo, cioè  un ‘900 dove Seiya in qualche modo si salva.

Per discutere di eventuali prove a favore o a sfavore di questo schema vi consigliamo di partecipare al topic inerente sul forum, così da poter proporre una versione dello stesso sempre più aggiornata e corretta.

I credits per lo schema e le considerazioni principali vanno a Guren, le quali sono state arricchite da tutti i fan che hanno partecipato alla discussione.