Capitolo 4
Destino

Scansioni e Dialoghi sul Forum

null

Aiolos, il cavaliere d’oro che riuscì a salvare un Athena in fasce a costo della vita, ha trasceso la morte per aiutare ancora una volta la sua dea. Saori lo sente, pur essendo ancora debole, non può arrendersi se i suoi guerrieri continuano a combattere anche oltre la morte. Grazie all’aiuto del sagittario, Saori attacca Ate per scacciarla definitivamente da quel luogo. La driade è investita da un raggio di luce, ma non ha intenzione di arrendersi; con un colpo di mano, si impadronisce di Shoko, pronta a renderla il ricettacolo di sua madre!
Investita dal colpo, Shoko ha un flashback di quando era bambina; all’epoca era triste perché si sentiva inferiore alla sorella e credeva che lei non volesse giocare con lei. Così finì in un giardino oscuro, dove una donna le promise di lenire i suoi dolori donandole una mela. Ma Kyoko giunse giusto in tempo, perché la mela era demoniaca, così come la sua proprietaria che cercò di impadronirsi del corpo della bambina, inutilmente protetta dalla sorella. Per loro fortuna, un cavaliere d’oro intervenne in loro soccorso; Milo dello Scorpione! Grazie a lui, la donna fu sconfitta e Shoko salva, ma il cavaliere avvertì la sorella che il loro destino non era concluso e Kyoko decise allora di divenire una saintia per proteggere la sorellina.
Tornati al presente, vediamo Kyoko adempiere alla sua promessa, riuscendo a intromettersi nel rito subendo il fato al posto della sorella. Così, sotto lo sguardo allibito di Shoko, Kyoko sparisce divenendo il nuovo corpo di Eris!
Saori se ne addossa ogni colpa, promettendo di salvare Kyoko con tutte le sue forze, ma a Shoko questo non basta; la ragazza non intende aspettare che sua sorella venga salvata, sarà lei a farlo, in veste di nuova saintia di Equuleus!