Capitolo 2
L’Oracolo

Discussione sul Forum

null

Capitolo 64 Totale

Al Santuario, Sage ha richiamato l’appena investito Sisyphus per affidargli il compito di recarsi presso l’Oracolo di Delfi al fine di chidere numi circa l’esito della prossima Guerra Sacra. Ma ciò fa parte del piano di Ilias per mettere alla prova Sisyphus di modo che sconfigga il proprio lato oscuro. Sage ancora non comprende fino in fondo la scelta del Leone, ma ha compreso della sua malattia ai polmoni chiedendo spiegazioni al silenzioso Cavaliere d’Oro.

Mentre Sisyphus si dirige fuori dal Santuario, sente le voci degli altri apprendisti che non si stupiscono della sua investitura, non tanto per le sue capacità, ma credendolo raccomandato in quanto fratello del Cavaliere del Leone. Infastidito da ciò viene presto rassicurato da Rasgado e Aspros che si complimentano ancora per il risultato raggiunto, promettendogli che anche loro lo raggiungeranno presto.

Rincuorato, Sisyphus raggiunge Delfi, dove in un bosco viene attaccato da alcuni lupi che atterra senza volere. I lupi sono diretti all’Oracolo, come gli spiega Alkes, l’attuale Oracolo apparsa anch’ella sotto le spoglie di un lupo. Scusandosi dell’accaduto, Alkes si offre di fargli strada, assieme ai suoi amici. Con suo grande stupore, infatti, Sisyphus incontra Rasgado ed Aspros con le rispettive Armature!

I due gli spiegano di essere appena stati investiti e di averlo seguito nella missione, per poi attaccarlo violentemente all’improvviso. Sisyphus è stupito, chiedendosi se sia o meno un’illusione. Ma i due non gli lasciano il tempo di fare altro, cominciando a tempestarlo di colpi e biasimandolo per il suo carattere, considerato inadatto all’Armatura che indossa.

Al Santuario Ilias ripensa ancora alle ultime parole del Grande Sacerdote e conferma a sé stesso l’intenzione di aiutare il fratello a migliorarsi di modo da fare la parte nella Guerra Sacra che lui non potrà più svolgere.

Ancora in preda allo scontro coi due, Sisyphus cerca di reagire, quando si trova circondato da tanti sé stesso che insistono sul volere una vita normale invece che una da Cavaliere. Sisyphus vorrebbe zittirli, nel mentre viene attaccato violentemente dai due compagni. Deciso a dimostrare di che pasta è fatto, il giovane Sagittario risponde con il suo colpo più potente annullando l’illusione.

La ricomparsa di Alkes gli conferma che tutto ciò è stata una sua illusione per metterlo alla prova e, ora che l’ha superata, è pronta a mostrargli il suo futuro.

All’interno del tempio, davanti alla vera forma di Alkes, Sisyphus vede sé stesso con una Surplice addosso. Perché è questa la visione avuta dall’Oracolo, il Sagittario passato alle forze del male!