Rate this post

Lost Canvas – Capitolo 158


Incompleto

Prosegue lo scontro tra Deuteros e Aspros nel Quarto Palazzo Malefico. Il Cavaliere d’Oro colpisce il fratello con la tecnica forgiata sull’Isola di Kanon, il Mauros Eruption Crust. Lo specter però assorbe l’effetto del terribile attacco grazie alla Galaxian Explosion, il colpo più potente della costellazione di Gemini, riuscendo anche ad atterrare Deuteros. Aspros dice al fratello, con tono beffardo, che il suo proposito di diventare un demone è riuscito solo a metà e che se non si deciderà ad utilizzare anche lui l’Esplosione Galattica non sarà mai degno di essere il Cavaliere della Terza Casa. Deuteros, ferito, si rialza, rispondendo che non ha intenzione di utilizzare quella tecnica e che lo disgusta vederla adoperare dal fratello, ormai evidentemente corrotto. Aspros afferma allora che non c’è alcuna differenza tra quando era vivo e adesso. Il suo ideale è sempre stato quello di ottenere i suoi obiettivi a qualsiasi costo, perchè solo rinunciando alla propria reputazione si può arrivare fino in fondo alle proprie ambizioni. In passato sfruttò l’affetto di suo fratello Deuteros e cercò persino di uccidere il Grande Sacerdote, adesso sta sfruttando Hades, pur di poter governare il mondo. A quelle parole, Deuteros commenta amaramente che suo fratello è definitivamente morto e dunque non ha alcun motivo di avere pietà dell’avversario che si trova davanti, che è solo l’ombra decaduta del nobile Cavaliere d’Oro che fu. Aspros si appresta a colpire nuovamente con la Galaxian Explosion ma vede, con sorpresa, che anche il fratello finalmente si prepara a lanciare lo stesso attacco. Quando lo specter domanda a Deuteros se stia ancora cercando di imitarlo, il ragazzo risponde che non avrebbe mai voluto usare l’Esplosione Galattica solo perchè lo considera il ricordo più caro di suo fratello, qualcosa di sacro da non contaminare. Ma la situazione che si è creata gli impone di essere deciso e di usarla, proprio per onorare la memoria del vero Aspros. I due gemelli sono dunque pronti a rivolgere il loro massimo colpo l’uno contro l’altro.

Be Sociable, Share!