Rate this post

Lost Canvas – Capitolo 153

La copia

Deuteros schernisce il fratello, accusandolo di essere una ridicola copia del vero Grande Sacerdote, ma Aspros gli dice che l’unico replicante è sempre stato lui. I due gemelli si ritrovano nel Quarto Palazzo delle Stelle Malefiche e Deuteros nota che esso è stato edificato in modo identico al Palazzo dei Bambini Gemelli, il Tempio dello Zodiaco in cui lui ed il fratello sono cresciuti. Vedendo una maschera di ferro spezzata, Deuteros ricorda la sua tremenda infanzia. Sedici anni prima, il guerriero era costretto ad indossare una maschera che ne celava il volto ed  a seguire gli allenamenti del fratello di nascosto. Un giorno fu scoperto da una guardia, che iniziò a colpirlo e ad offenderlo, dicendo che era destinato a vivere per sempre all’ombra del fratello, del quale era solo una copia malriuscita. Aspros intervenne a difesa di Deuteros, finendo colpito dai colpi di frusta del soldato. Il futuro guardiano dell’Isola di Kanon ammirava il fratello, che lo aveva sempre incoraggiato a credere in sè stesso e promesso che , una volta divenuto Cavaliere d’Oro, non avrebbe permesso più a nessuno di insultarlo definendolo la sua copia. I ricordi sono interrotti dall’immagine di Aspros, con indosso l’Armatura di Gemini, ferito mortalmente al cuore ma sereno. Liberatosi dai paramenti del Sacerdote, Aspros sfoggia la Surplice di Gemini, dono di Hades, e si appresta a mostrare come l’unico vero Cavaliere di Gemini sia stato sempre e soltanto lui. Lo scontro fratricida ha inizio.

 

Dialoghi, scan complete e commenti su www.sorkino.it

Be Sociable, Share!