Rate this post

Lost Canvas – Capitolo 146

L’Armatura di Atena

Doko si domanda come sia possibile che due specter si siano intrufolati fino al Palazzo del Sacerdote e domanda ai nemici chi siano e cosa vogliono. I due si presentano come Gordon di Minotaurus e Queen di Alraune. Gordon appare il più aggressivo dei due e chiede a Doko dove sia nascosta l’Armatura delle dea Atena. Doko non ne sa niente e Minotaurus crede stia fingendo ignoranza per non rispondere alle domande. Queen però ferma il compagno, spiegando a Libra che da sempre la sorte della guerra tra Hades e Atena è stata determinata da tre oggetti della dea: lo Scudo divino, lo Scettro di Atena Nike e l’Armatura divina della dea. Distruggendo quella corazza, gli specter si assicureranno un vantaggio decisivo. Doko comincia a credere che l’Armatura sia nascosta all’Altare della Dea e che la missione misteriosa affidatagli da Gemini consista proprio nel recuperare la divina armatura. Gordon intanto è stanco di starsene con le mani in mano ed attacca Libra con un fendente che lacera il suolo del Palazzo:nel braccio dello specter risiede la potenza del mitico Minotauro. Gordon sfida Libra ad impiegare le sue leggendarie Armi, capaci di distruggere le stelle, per vedere se l’ascia che risierde nel suo possente braccio è più potente delle Armi del Cavaliere d’Oro. Doko si rifiuta di usare le armi per un motivo così banale, ma subisce il tremendo impatto della tecnica di Gordon, il Grand Axe Crusher. Doko sembra essere rimasto disintegrato dal colpo, così gli specter si dirigono verso l’Altare di Atena. Prima che Gordon possa abbattere la Statua della dea, viene colpito dal filo di una lama:Doko, incolume dall’attacco precedente, ha usato una delle due Spade di Libra. Il giovane guerriero, avvolto dall’aura del Dragone, afferma di trovarsi costretto ad usare le sue potenti Armi per scacciare via i nemici.

Be Sociable, Share!