Rate this post

Lost Canvas – Capitolo 141

Entrare in azione

Deuteros, dall’Isola vulcanica di Kanon, percepisce la morte di Sisiphus. L’uomo critica la scelta del Sagittario di sacrificarsi per salvare la vita di individui deboli, ma lo rispetta, perchè è riuscito a realizzare le sue aspirazioni prima di cadere nel sonno eterno. Il demone si dirige verso l’interno di una caverna e qui incontra Doko, assopito sulla bocca di un cratere, con le Armi di Libra sparse attorno a lui. Percependo una mincaccia provenire da Deuteros, le Armi si scagliano contro di lui, ma il demone le blocca senza fatica. Osservando Doko, capisce che è la maledizione di Hades ad impedirgli di uscire da quel torpore: infatti, il dio l’aveva trapassato al cuore con la sua spada prima di recarsi sulla Lost Canvas. Il demone capisce che c’è solo un rimedio per far tornare in sè il guerriero e, bagnate le dita con del sangue, colpisce Doko al cuore, facendolo rinvenire. Libra riconosce il guardiano dell’Isola e gli domanda cosa sia successo. Deuteros lo aggiorna sull’attacco alla Lost Canvas e gli spiega che, a causa della ferita infertagli da Hades, è rimasto addoementato in quel luogo per un mese. Doko ha intenzione di partire subito per la fortezza di Hades, ma il demone lo ferma, dicendo che Atena, nelle attuali condizioni, può solo essere sconfitta. Libra crede che Deuteros voglia fargli abbandonare la dea, ma in realtà l’uomo sta cercando di affidargli una missione che, a sua detta, potrebbe essere decisiva per l’esito della guerra sacra. Il demone mostra una piccola ampolla in cui afferma esserci il divino sangue di Atena. E’ stato esso a far risvegliare Doko e ad aver dato potere ai sigilli opposti a Hypnos e Thanatos. Ma sangue secondo Deuteros nasconde un segreto ancora più grande, che solo il Gran Sacerdote conosceva appieno. Doko dovrà attraversare  i dodici Templi dello Zodiaco e raggiungere la grande statua di Atena, posta sull’Altare oltre il palazzo del Sacerdote. Una volta giunto, dovrà bagnare il monumento con il sangue divino. Libra comprende l’importanza delll’incarico e si prepara a compierlo, ma prima di andare domanda al demone perchè si sia tenuto in disparte dalla guerra sacra, pur non essendo avverso alla dea. Deuteros gli risponde ironicamente che attendeva l’attimo proprizio per entrare in scena. Dal magma del vulcano emerge un’Armatura d’Oro e si dispone sul corpo del demone. Deuteros, Cavaliere d’Oro di Gemini, è pronto a scendere sul campo di battaglia.

Be Sociable, Share!