Rate this post

Lost Canvas – Capitolo 128

In qualità di comandante in capo all’armata

Aiacos è furibondo perchè la nave dei Cavalieri di Atena s’è elevata fino a superare il suo battello di Garuda e considera ciò un affronto alla sua persona. Ribadendo ancora una volta che i Cavalieri son degni solo di strisciare al suolo come vermi, con un gesto della mano incendia il suo vascello, preparandosi a distruggere la nave divina. Yato e Tenma temono che Aiacos vogla sfondare il divino mezzo con un attacco dal basso ma Sisiphus capisce le vere intenzioni del Giudice:il suo orgoglio esige un attacco dall’alto ed infatti Aiacos ha elevato il suo brigantino in fiamme per farlo precipitare sulla nave dei Cavalieri. Il Sagittario si pone come ostacolo e ferma ancora il vascello del nemico. Il Cavaliere d’Oro ascolta sconcertato le urla degli skeletons che stanno soffrendo a causa delle fiamme prodotte da Garuda. Lo specter però ride di gusto, affermando che se i suoi uomini non sono tanto forti da resistere al calore vorrà dire che moriranno per la loro debolezza ed inutilità. Intanto le fiamme iniziano a colpire lo stesso Cavaliere d’Oro e Aiacos conferma che nel momento in cui le fiamme arderanno al loro massimo sia Sisiphus che la nave ed i Cavalieri di Bronzo al suo interno finiranno carbonizzati. Perciò Garuda suggerisce al nemico di scappare e lasciare i suoi sottoposti al loro destino. Tenma si avvicina al Sagittario e lo prega di affidargli il battello in fiamme, in modo che lui possa affrontare liberamente Aiacos. Pegasus ricorda al suo comandante che è un uomo prezioso per il Grande Tempio e non può morire per la pretesa di far tutto da solo. Sisiphus ringrazia i Cavalieri di Bronzo, ma dice loro di non intervenire perchè, privi di un’Armatura d’Oro, soccomberebbero a contatto con quelle fiamme. Memore di tutte le persone che lo hanno sempre sostenuto e protetto, come Atena, Aldebaran ed El Cid, il Sagittario comprende di non poter tradire le speranze che tutti gli hanno affidato. Consapevole del suo ruolo di comandate delle armate della dea Atena, Sisiphus scatena il suo Cheiron’s Light Impulse, spazzando via sia le fiamme che il vascello di Garuda. Disprezzando Aiacos per la totale mancanza di qualità degne di un vero generale, il Sagittario si prepara alla prossima mossa. 

Be Sociable, Share!